skip to Main Content

Impero romano: fine del I secolo a.C. – 375 d.C.

Römische Töpferei Haarhausen im Ilm-Kreis (Rekonstruktion, Bild: Artus Atelier

For­nace romana per la ceram­ica a Haar­hausen nell’Ilm-Kreis (ricostruzione), imma­gine: Artus Atelier

Popoli germanici e Romani in Turingia

Sapevi che ciò che sap­piamo sulla Turingia risale ai Romani? I Romani impar­arono molto dur­ante la loro espan­sione nella Ger­mania lib­era. Lo storico romano Tacito (55−120 d.C.) ha riportato queste con­o­scenze nel suo famoso libro “Ger­mania”. Dob­biamo ringrazi­are sia Tacito che gli arche­ologi per le interess­anti inform­azioni sull’espansione delle tribù ger­maniche dall’Altmark e dall’Harz settentri­onale alla Turingia. Tacito li chiama Ermun­duri e nella Ger­mania scrive dei loro stretti rap­porti con i Romani e dell’enorme influ­enza che i Romani ebbero sul loro stile di vita. Sebbene vivessero a 180 km dal con­fine con l’impero, i Romani con­tavano gli Ermun­duri tra i loro fed­eli alleati. Dato che i vicini degli Erminoni erano i Catti, arci nem­ici dei Romani, questa alleanza dimostra l’acume politico dei Romani.

Oro per la classe dei nobili

Sia lo scritto di Tacito che i rit­ro­va­menti arche­olo­gici, che includ­ono beni di importazione romana otten­uti attra­verso gli scambi com­mer­ciali o come doni, dimostrano una grande ric­chezza nella soci­età forte­mente ger­arch­ica delle popolazioni ger­maniche. Nell’ALT mostri­amo oggetti di vetro e di bronzo, gioi­elli e la lus­su­osa ceram­ica rossa dec­orata a rilievo nota come terra sigil­lata. Simili tesori, insieme a rep­erti arche­olo­gici affas­cin­anti come la ricca tomba della “Prin­cipessa di Haßleben”, mostrano l’esistenza di una classe nobile che aveva rap­porti molto stretti con i Romani.

Come vivevano le popolazioni ger­maniche?

Vivevano in insedia­menti com­posti da case di legno par­zi­al­mente inter­rate. Ogni vil­lag­gio aveva un forno di ceram­ica e il loro sos­ten­ta­mento si basava sull’agricoltura e l’allevamento. Quest’ultimo era una par­ti­c­ol­are pas­sione dei Ger­mani e Tacito osserva che “Il bes­ti­ame è il modo prin­cip­ale con cui mis­ur­ano la ric­chezza”.

Oltre ai con­ta­dini e agli all­ev­atori, c’erano anche spe­cial­isti nella lavorazione dei metalli non fer­rosi e prezi­osi, come pure nella fusione e nella lavorazione del ferro.

Il mod­ello romano aveva una pro­fonda influ­enza su ogni aspetto della vita. L’abbigliamento, gli stru­menti e le tec­niche costrut­tive tradis­cono l’influenza della tecno­lo­gia e della moda romana. Nel 1979 fu scoperto a Haar­hausen (Ilm) un intero labor­atorio di ceram­ica costruito con il sapere tec­nico dei romani; nell’ALT troverete una ricostruzione del forno e del labor­atorio.

×Close search
Cerca